Torino: Villa della Regina

IMG_20170302_152236 Torino: Villa della Regina

Torino. Villa della Regina

Come descritto nel post precedente, ho acquistato la tessera Abbonamento musei Torino Piemonte, che consente l’ingresso gratuito e illimitato in moltissimi luoghi d’interesse di Torino e del Piemonte. Quindi, dato che questioni personali mi obbligano a fermarmi a Torino per un lungo periodo, perché non approfittarne? Il pomeriggio stesso dell’acquisto, complice anche una bella giornata soleggiata, ho deciso di iniziare a sfruttare i vantaggi offerti dalla tessera musei e di andare a visitare Villa della Regina.

Dove si trova e come arrivarci

Villa della Regina si trova nel quartiere Borgo Po di Torino, più precisamente sulla collina alle spalle della chiesa della Gran Madre di Dio – per capirci, quella che si vede in fondo a Piazza Vittorio Veneto, oltre il ponte che attraversa il Po.

Per arrivare a Villa della Regina, basta prendere il bus 56 e scendere alla fermata Villa della Regina Ovest. Da lì, bisogna percorrere a piedi circa 400m in salita, seguendo le indicazioni.

Cenni storici

Villa della Regina è una villa seicentesca, fatta costruire da Maurizio di Savoia e concepita inizialmente come tenuta di campagna. La moglie di Maurizio di Savoia, Ludovica, fece ingrandire i giardini e la vigna. La tenuta prese inizialmente il nome di Villa Ludovica, proprio in onore di Ludovica di Savoia. Nel corso del Settecento, da residenza di campagna utilizzata solo nel mese di settembre, divenne dimora delle sovrane di casa Savoia (da qui, il nome odierno di Villa della Regina). Nell’800 fu utilizzata per ospitare la sede dell’Istituto Nazionale delle Figlie degli Ufficiali che avevano combattuto durante le Guerre d’indipendenza. Fu pesantemente danneggiata durante la seconda guerra mondiale e lasciata all’abbandono fino agli anni ‘90, quando fu riportata al suo originale splendore.

Villa della Regina fa parte del circuito delle Residenze sabaude e dal 1997 è stata dichiarata Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.

Visitare la villa

Gli interni

Appena arrivato, sono entrato nel cortile della Villa. Si sviluppa su due livelli: quello superiore, dove è ubicato l’edificio, e una inferiore, in cui si trova una terrazza ellittica con al centro una fontana. I due livelli sono collegati da due scale.

IMG_20170302_152825 Torino: Villa della Regina

Torino. Cortile di Villa della Regina

Dopo esser passato dalla biglietteria, ho iniziato il mio tour degli interni della Villa. Mi ha accolto il maestoso salone principale, tutto affrescato, e sin da subito è stato visibile lo “zampino” di Filippo Juvarra. Il salone divide la villa in due aree: una accoglieva gli appartamenti del re e l’altra quelli della regina.

IMG_20170226_160357 Torino: Villa della Regina

Salone principale di Villa della Regina

Tutte le sale sono riccamente decorate, ma quasi prive di mobili. Sono stati infatti quasi tutti portati via, e molti di essi si trovano oggi al Quirinale a Roma.

IMG_20170226_160201 Torino: Villa della Regina

Soffitto. Villa della Regina, Torino

IMG_20170226_160143 Torino: Villa della Regina

Interni di Villa della Regina, Torino

Particolari sono le quattro sale dei Gabinetti Cinesi, tutte realizzate in legno laccato e decorato con motivi cinesi, appunto.

IMG_20170226_160551 Torino: Villa della Regina

Villa della Regina. Pareti decorate di uno dei gabinetti cinesi

IMG_20170226_161059 Torino: Villa della Regina

Villa della Regina. Dettaglio del gabinetto cinese

I giardini

Uscendo sul retro della villa, ci s’immerge in un meraviglioso giardino all’italiana scavato in una collina, a forma di anfiteatro. Alla base di questo anfiteatro, si trova un muro semicircolare con tante nicchie, quasi tutte contenenti delle statue. Al centro di questo muro, si apre una scalinata, la quale conduce al livello superiore, dove s’incontra la Grotta del Re Selvaggio.

IMG_20170226_161943 Torino: Villa della Regina

Villa della Regina. Grotta del Re Selvaggio

IMG_20170226_162556 Torino: Villa della Regina

Villa della Regina. Fontana del Belvedere superiore

Proseguendo con la salita, si arriva al culmine dell’anfiteatro, dove si trova il Belvedere superiore, che è il punto più alto di Villa della Regina. Da qui si gode di un panorama mozzafiato sul giardino sottostante e su tutta la città di Torino, che si trova ai piedi di quella collina. Consiglio di andare nelle giornate di cielo sereno, ancora meglio quando non c’è foschia e si può vedere l’arco alpino che circonda la città.

IMG_20170226_162737 Torino: Villa della Regina

Villa della Regina. Belvedere superiore

IMG_20170226_164000 Torino: Villa della Regina

Vista su Torino da Villa della Regina

Sulla sinistra rispetto al Belvedere, si trova un’altra piccola struttura. Si tratta del Padiglione dei Solinghi, una costruzione a forma di padoga, che accoglieva le riunioni dell’Accademia dei Solinghi.

Il giardino è stato inserito nel 2006 tra i 10 giardini più belli d’Italia. Titolo tutto meritato. Io l’ho visitato in un freddo pomeriggio di febbraio e vi garantisco che ha il suo fascino anche con gli alberi spogli e senza fiori. Senza ombra di dubbio, il periodo migliore per poterne godere appieno della bellezza del giardino è in primavera/estate. Motivo in più per tornarci prossimamente.

Piccola curiosità

Accanto ai giardini della villa sorge una vigna, dove viene prodotto il Freisa, un vino rosso rubino, che è anche l’unico vino urbano DOC del mondo.

Villa della Regina: alcune informazioni utili

Villa della Regina è aperta tutti i giorni dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 17, ultimo ingresso alle ore 16. Il costo del biglietto è di 5€, ma sono anche previste delle riduzioni. Nel mio caso, la visita è stata gratuita, grazie alla tessera Abbonamento musei Torino Piemonte.

Salva

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!