Centro di Vienna: cosa vedere

Continua il racconto della terza giornata a Vienna. Dopo aver trascorso la mattinata nel complesso della Hofburg, mi sono concesso una passeggiata nel centro di Vienna nel pomeriggio, per esplorare la parte non toccata il primo giorno. Prima però ho fatto una piccola sosta.

Café Sacher: una sosta imperdibile nel centro di Vienna

Dopo tanto camminare tra sale e palazzi storici, ci voleva proprio una nota di dolcezza. Cosa può offrire Vienna di tipico se non la sua Torta Sacher? Eccoci quindi davanti alla casa per eccellenza della Sachertorte, il Café Sacher.

IMG_20170822_135643 Centro di Vienna: cosa vedere

Café Sacher, Vienna

Questa torta deliziosissima è stata inventata a Vienna da Franz Sacher, un cuoco di corte che preparò questo dolce per il Ministro degli Esteri Klemens von Metternich. Da allora la ricetta originale della Sachertorte è custodita gelosamente dalla pasticceria dell’Hotel Sacher di Vienna. Qui ne vengono prodotte circa 270.000 pezzi l’anno; viene servita a una temperatura di 16-18 gradi e accompagnata da panna montata non zuccherata.

IMG_20170822_141901 Centro di Vienna: cosa vedere

Sachertorte

C’è solo una piccola nota negativa: per entrare al Café Sacher troverete la fila a qualsiasi ora del giorno, ma l’attesa non è tanto lunga. Questo piccolo disagio sarà dimenticato non appena assaggiata la torta 😀

Un giro esplorativo nel centro di Vienna

Dopo la sosta al Café Sacher, ho deciso di staccarmi dai miei compagni di viaggio, che volevano visitare il Museo dell’Albertina. L’Albertina prende il nome da Alberto di Sassonia Teschen, genero di Maria Teresa, e custodisce una delle collezioni di stampe più estese del mondo, con oltre 60.000 pezzi esposti. Vengono anche allestite mostre temporanee.

DSC_0516 Centro di Vienna: cosa vedere

Albertina

Non avendo molta voglia di stare chiuso in un museo per un intero pomeriggio, ho preferito gironzolare per il centro di Vienna, senza meta, senza avere un itinerario ben stabilito.

La chiesa di San Michele è stata la prima tappa del mio giro per il centro di Vienna. Si trova in Michaelerplatz, di fronte all’ingresso della Hofburg. All’interno, la chiesa ha una struttura in stile gotico con archi acuti, ma con decorazioni non coeve in stile barocco. Di questa chiesa è interessante la cripta (che non ho visitato), dove le particolari condizioni ambientali impediscono ai corpi lì sepolti di decomporsi. In questa chiesa, inoltre, è stata suonata per la prima volta il Requiem di Mozart, poco dopo la sua morte.

DSC_0526 Centro di Vienna: cosa vedere

DSC_0533 Centro di Vienna: cosa vedere

Chiesa di San Michele

Uscito dalla chiesa, ho ripreso il mio giro senza meta nel centro di Vienna. Ho camminato per le vie attorno alla Graben, per poi successivamente dirigermi verso ovest. Lungo il cammino ho incontrato tanti bei palazzi, ognuno dei quali meritava di essere fotografato. Ecco, se andate a Vienna e siete appassionati di fotografia, troverete tanta ispirazione.

DSC_0538 Centro di Vienna: cosa vedere

Dettaglio di un palazzo del centro di Vienna

DSC_0542 Centro di Vienna: cosa vedere

Engel Apotheke, farmacia in stile liberty nel centro di Vienna

DSC_0552 Centro di Vienna: cosa vedere

Austriabrunnen

Per caso mi sono ritrovato davanti a Palais Ferstel, al cui interno sorge una galleria molto elegante.

DSC_0550 Centro di Vienna: cosa vedere

Palais Ferstel

DSC_0558 Centro di Vienna: cosa vedere

Galleria del Palais Ferstel

Il mio giro senza meta per il centro di Vienna mi ha condotto davanti all’Università, successivamente davanti al Burgtheater. È un bellissimo edificio in stile neoclassico, ma oltre a ciò un’istituzione della cultura del teatro in lingua tedesca…meriterebbe una visita (prossima volta che sarò a Vienna, rimedierò).

DSC_0566 Centro di Vienna: cosa vedere

Università di Vienna

DSC_0570 Centro di Vienna: cosa vedere

Burgtheater

Proprio di fronte al Burgtheater, si trova il Rathaus, il municipio della città. Qui hanno sede gli uffici del sindaco di Vienna, il consiglio comunale e il governo regionale. È un imponente edificio in stile neogotico, realizzato nell’Ottocento. Era molto bello da vedere anche perché tutti i balconcini erano decorati con tanti fiori rossi. Avrei voluto fare una foto all’intera facciata, ma proprio nella piazza antistante era allestito un maxi-schermo per il Vienna Film Festival o qualcosa di simile.

DSC_0572 Centro di Vienna: cosa vedere

Rathaus

DSC_0576 Centro di Vienna: cosa vedere

Dettaglio della facciata del Rathaus

Mentre mi trovavo davanti al Rathaus, ho visto con la coda dell’occhio una chiesa con due guglie altissime a poche decine di metri sulla destra. Si trattava della Votivkirche. Incuriosito, ho deciso di andare a dare un’occhiata. Mentre mi avvicinavo, mi sono reso conto che la chiesa stava subendo dei lavori di restauro all’esterno. Ero un po’ scoraggiato, perché credevo di trovarla chiusa o per lo meno di trovare i ponteggi anche all’interno. Per fortuna non è stato così, perché una volta entrato, ho scoperto una chiesa bellissima in stile neogotico, con le finestre coloratissime. Fu edificata nell’800 per volere di Francesco Giuseppe I, dopo che il fratello Ferdinando Massimiliano era sopravvissuto a un attentato.

DSC_0582 Centro di Vienna: cosa vedere

Guglie della Vitivkirche

Uscito dalla Votivkirche, ho ripreso il mio giro nel centro di Vienna in direzione della Hofburg. All’altezza del Rathaus, ho consultato Google Maps e ho visto che nelle vicinanze sorgeva il Parlamento, così ho deciso di andarci. Il Parlamento si presenta come un edificio neoclassico, con una fontana con la dea Athena, posta davanti alla scalinata principale. Purtroppo anche qui non ho potuto scattare una foto d’insieme, perché proprio davanti al Parlamento c’era un cantiere.

DSC_0636 Centro di Vienna: cosa vedere

Parlamenthaus

DSC_0644 Centro di Vienna: cosa vedere

Statua davanti alla Parlamenthaus

Lasciato il Parlamento, sono tornato all’Albertina per ricongiungermi con i miei compagni di viaggio. Poi insieme siamo andati alla Augustinerkirche (Chiesa di San’Agostino). Questa chiesa, che fa parte del grande complesso della Hofburg, è stata il teatro di diversi battesimi e matrimoni di casa Asburgo, primo fra tutti il matrimonio di Francesco Giuseppe con Sissi. Nell’Augustinerkirche, inoltre, si trova la Herzgruft (Cripta dei Cuori) nella Cappella del Loreto, dove sono custoditi 54 cuori di membri della famiglia Asburgo (non è possibile visitarla sempre); altra cosa interessante da vedere è il Monumento funebre a Maria Cristina d’Austria, scolpito da Antonio Canova.

DSC_0653 Centro di Vienna: cosa vedere

Augustinerkirche

DSC_0656 Centro di Vienna: cosa vedere

Monumento funebre a Maria Cristina d’Austria

Con la visita all’Augustinerkirche si conclude il mio giro nel centro di Vienna e anche la terza giornata di viaggio. Nella quarta giornata di viaggio ci siamo presi una pausa da Vienna per fare un giro nella vicina Bratislava. Il giro viennese è ripreso il giorno seguente dal Palazzo del Belvedere, ma di questo parleremo nel prossimo articolo.

Per leggere gli altri articoli su Vienna, cliccate qui.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Condividi:

14 pensieri su “Centro di Vienna: cosa vedere

  1. Pingback: Vienna: a spasso per il centro storico - Happily on the road - Travel blog

  2. Zineb

    Ciao Andre,

    Che figata questo articolo. Ci siamo innamorati dell’itinerario e le foto sono fighissime.
    Un consiglio: secondo te meglio d’estate o d’inverno? l’idea di vederla a natale ci alletta da morire ma essendo la “città delle fontane” conviene andarci quando le fontane sono chiuse?

    1. Andrea Autore dell'articolo

      Ciao Zineb! Grazie mille per i complimenti 🙂 Vienna d’estate è molto bella, perché puoi vedere anche i suoi bellissimi parchi. Tutti mi dicono che sotto Natale si carica di un’altra magia. Immagino che con la neve e gli addobbi natalizi sia un’altra cosa. Magari la prossima volta ci tornerò proprio in quel periodo

  3. Blasco

    Molto ben descritta la visita del centro di Vienna, mi ha ricordato bei momenti trascorsi .Mi piace rivedere la facciata della Engel Apotheke, un bel esempio di liberty .
    Bravo.

  4. Claudia B. Voce del Verbo Partire

    Ricordo ancora con piacere, la sensazione quasi da fiaba del girare senza meta per Vienna! L’ho rivissuta attraverso i tuoi passi e, devo dire, mi ha catapultato indietro nel tempo.
    L’unica nota doelnte sono i cantieri, che l’estate esplodono in giro per la città. L’inverno invece, in particolare a capodanno, si diffondono a macchia d’olio palchi, allestimenti, chioschi che, se non permettono di vedere la città ed i monumenti nel loro insieme, almeno creano un’allegra nota di aggregazione.
    Hai fatto benissimo ad assaggiare la Sacher laddove è nata, io mi pento molto di aver perso questa esperienza!
    Alla prossima puntata!
    Baci,
    Claudia B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!